Soggiorno breve in RSA. La proposta del Trivulzio sono i ricoveri temporanei

 
 
 

Cosa sono i ricoveri temporanei? Questo tipo di ricovero agevola quale tipo di paziente?
“Sono ricoveri di breve durata da 30-60 giorni che offrono la possibilità di agevolare familiari e care giver nella presa in carico dei loro anziani fragili, in un periodo di bisogno e difficoltà originato da diverse motivazioni, in cui la cura risulta impegnativa per la famiglia”. A parlare è la dott.ssa Rossella Velleca, responsabile UOS RSA, aggiungendo che tale possibilità è disponibile tutto l’anno.

Come sono strutturati all’interno del Trivulzio?
“I reparti che accolgono i pazienti in ricovero temporaneo sono reparti RSA ove è presente una équipe clinico assistenziale H24 supportata, se necessario, da Poliambulatorio e Radiologia interni. Inoltre il soggiorno permette di mantenere una vita sociale e relazionale attiva e viva, grazie alla presenza in struttura di diversi animatori che garantiscono numerose iniziative di varia tipologia, dalla lettura alla tombola, dal teatro alle iniziative culturali e ricreative”.

Quali sono le modalità di accesso?
“Per accedere al ricovero temporaneo è necessario produrre: Domanda di inserimento unificata presso le RSA della ATS Città Metropolitana di Milano; scheda sanitaria di ingresso presso le RSA della Città Metropolitana di Milano; tutta la documentazione elencata nella domanda di inserimento”, riferisce la dott.ssa Paola Ghezzi, responsabile Servizio Gestione Posti Letto.

È importante tenere presente che per il ricovero è vincolante la residenza in Regione Lombardia e il periodo va da un minimo di 30 giorni a un massimo di 60.
Le domande possono essere presentate ai seguenti indirizzi paola.ghezzi@trivulziomail.it e convenzioni@pioalbergotrivulzio.it. Il numero di telefono per eventuali domande o richieste di informazioni è 02 4029320.

A quanto ammonta la retta?
“La retta ammonta a 69 euro/die, viene richiesto di corrispondere anticipatamente l’importo previsto per il numero di giorni prescelti”.

Cosa succede se il paziente ha bisogno di proseguire il ricovero?
“L’azienda prevede un percorso di stabilizzazione: attraverso il Servizio sociale interno si attivano le pratiche necessarie qualora l’Ospite necessitasse o richiedesse un soggiorno di maggior durata” ha concluso la dott.ssa Ghezzi.

 
 
 
 
 
 
  1. Amministrazione trasparente
  2. URP
  3. Carta dei Servizi
  4. Sostienici
  5. Sportello badanti